CINTURINI

[Canzone delle lavoratrici della fabbrica tessile (iuta) impiantata a Terni, dall'inizio del '900, dall'ingegnere Centurini, il cui cognome in ternano vedeva immancabilmente la storpiatura della e in i. Da una registrazione di Lucilla Galeazzi e Valentino Paparelli. Le ragazze impiegate nella concia venivano prese in giro a causa del lavoro assai maleodorante che svolgevano... ed ecco come rispondevano!]


SEMO DE CINTURINI
LASCIATECE PASS└,
SEMO BELLE E SIMBATICHE
CE FAMO RISPETT└.

MATINA E SERA, TICCHETETT└,
INFINU A SABADU CE TOCCA D'ABBOZZ└
MATINA E SERA, TICCHETETT└,
INFINU A SABADU CE TOCCA D'ABBOZZ└.

QUANNO FISCHIA LA SIRENA
PRIMA INNANZI CHE FACCIA GIURNU,
CE SENTITE ATTURNU ATTURNU
DENTRO TERNI DA PASS└.

MATINA E SERA, TICCHETETT└ [...]

QUANNO A FESTA CE VEDETE
QUANNO SEMO ARCUTINATE
PE SIGNORE CE PIJATE
SEMO SCICCHE IN VERIT└.

MATINA E SERA, TICCHETETT└ [...]

SE QUARCUNU CHE SE CREDE,
PERCH╔ SEMO TESSITORE,
MA SE NUI FAMO ALL'AMORE
LA FACEMO PE' SCHERZ└.

E SE CE DICONO, TANT'ACCUSC╠,
JE DIMO SQUAJATELA, PE' ME TU POLI J╠
JE DIMO SQUAJATELA, PE' ME TU POLI J╠

MATINA E SERA, TICCHETETT└ [...]




scarica la versione stampabile scarica la versione stampabile
[clicca con tasto destro e scegli "salva oggetto con nome"]




[torna all'indice dei canti]