O VENEZIA

[Entrata stabilmente nel repertorio delle mondine e in particolare in quello di Giovanna Daffini, questa canzone, cantata su una melodia molto vicina alle arie del melodramma e ricca di echi e suggestioni Verdiane, si riferisce al coraggioso biennio repubblicano (1848-49) di Venezia ribellatasi all'impero austriaco, e alla drammatica repressione con cui gli austriaci annegarono nel sangue l'insurrezione del popolo veneziano. L'ultima strofa, delicata e misteriosa, di rara intensitą poetica, sembra in qualche modo evocare il sogno dell'Unitą d'Italia. La strofa "traditori signori ufficiali" - spesso inserita anche nell'impianto musicale di "O Gorizia" - fu causa di celebri scandali nei teatri in cui la Daffini, o altri interpreti, la eseguivano coraggiosamente alla presenza dell'alta borghesia e della nobiltą dell'epoca.]


O Venezia che sei la pił bella
e tu di Mantova che sei la pił forte
gira l'acqua intorno alle porte
sarą difficile poterti pigliar.

E quel giorno, entrando in Venezia
vedevo il sangue scorreva per terra
i feriti sul campo di guerra
e tutto il popolo gridava pietą.

Traditori signori ufficiali
e voi la guerra l'avete voluta
scannatori di carne venduta
e voi rovina della gioventł.

O Venezia, ti vuoi maritare?
E per marito ti daremo Ancona
e per dote le chiavi di Roma
e per anello le onde del mar.




[torna all'indice dei canti]