CANZONE DEL PESCATORE

Vurria addeventare pesce d'oro
dint''a lu mare me jesse a menare.

Venesse 'o piscatore e me piscasse
dint''a 'na chianelluccia me mettesse.

Venesse 'a nenna mia e me cumprasse
dint''a la tielluccia me friesse.

Nun me ne m’porta ca poi me mangiasse
basta ca ‘ncoppa ‘o core me tenesse.

Me voglio fŕ 'na casa 'mmiezo 'o mare
fravecata de penne de pavone.




scarica la versione stampabile scarica la versione stampabile
[clicca con tasto destro e scegli "salva oggetto con nome"]




[torna all'indice dei canti]